Tag Results

Museo Ettore Fico - Via Cigna 114, Torino

GEM – Dialoghi in Barriera Apericous cous | giovedì 21 giugno 2018 ore 19.00

Ultimo appuntamento di “GEM – Dialoghi in Barriera”, giovedì 21 giugno 2018, presso il Museo Ettore Fico, in collaborazione con il mercato di Piazza Foroni e dell’Associazione Commercianti “La Piazza Foroni”, da sempre contraddistinta dall’impegno nel rilancio del valore commerciale del mercato e per l’attenzione e la disponibilità nel creare sinergie con enti ed associazioni del territorio.

Durante la serata si parlerà di cous cous, ricetta tradizionale con una storia incredibilmente lunga e dal forte significato simbolico, esempio di contaminazione virtuosa tra culture di differenti origini, che ha  assunto un’identità multiculturale “trasversale” lungo tutto l’arco del bacino mediterraneo e non solo.

Lo chef Enrico Bricarello terrà una breve introduzione sulla scelta del grano duro più adatto, la sua giusta macinatura e sull’arte della “incocciatura”: i partecipanti potranno cimentarsi nella preparazione del cous cous attraverso l’idratazione manuale della semola, secondo l’antica tecnica trapanese.

Seguirà poi una degustazione di cous cous alle verdure e accompagnato da carne di agnello e, come dessert, cannolo siculo farcito al momento.

______________________________________________________________________________

INFO

Degustazione
€ 15 a persona
comprensivo della degustazione dei piatti presentati e di un calice di vino.

Numero di posti limitato
Prenotazione obbligatoria conservatoriagem2017@gmail.com

Per l’occasione, sarà possibile accedere alla visita libera al Museo Ettore Fico dalle ore 18.00 alle ore 19.00 a € 5 a persona (gratuito per i possessori dell’Abbonamento Torino Musei)

Martedì 21 giugno “Cosa Bolle in Pentola” presenta le aziende “Cascina Adorno” e “Pognant Gros”

Penultimo appuntamento di “Cosa Bolle in Pentola”, showcooking live a partecipazione gratuita organizzati dalla  Conservatoria delle Cucine Mediterranee.

Un’occasione unica e golosa per riscoprire il territorio piemontese e i prodotti di eccellenza dalla voce diretta dei protagonisti.

 Il 21 giugno, Cosa Bolle in Pentola” dedica il 3^ dei 4 appuntamenti in programma, al Marrone IGP della Val di Susa, alle patate e agli ortaggi di montagna dell’Azienda Agricola Pognant Gros, di San Giorgio di Susa, e alla Robiola di Roccaverano DOP, ai salumi, ai vini e gelati artigianali di latte di capra della Cascina e Agriturismo Adorno di Ponti ad Alessandria.

 Dalle h 19.00, presso la storica sede dell’Associazione Cuochi, in Via Bogino 17 a Torino, i produttori ospiti della serata descriveranno, in dettaglio, le caratteristiche uniche di alcuni prodotti di eccellenza del territorio piemontese.

 A riferire le peculiarità del loro operato e delle eccellenze produttive, Federico Pognant Gros, titolare dell’omonima Azienda Agricola e Andrea Adorno, giovane titolare dell’Azienda Agricola e Agriturismo Adorno.

 Gli appuntamenti di “Cosa Bolle in Pentola” proseguono con prodotti di eccezione a marchio DOP e IGP. A partire dal significato dei marchi di tutela arriveremo a conoscere cosa contraddistingue prodotti come la Robiola di Roccaverano o il Marrone della Val di Susa.

 Come sempre, l’appuntamento sarà anche occasione per conoscere a fondo cosa anima i due giovani protagonisti che dedicano professionalità e passione al loro lavoro quotidiano. Dalle difficoltà di coltivare in territori montani, alla responsabilità del passaggio di testimone nella direzione dell’azienda di famiglia, per arrivare alle aspirazioni future, tutte costantemente caratterizzate da un profondo rispetto per tradizione e territorio.  

 A condurre l’incontro, gli approfondimenti e le curiosità, sarà, come sempre, lo chef Istruttore e giornalista Enrico Bricarello, mentre la dimostrazione della ricetta dal vivo, realizzata in presenza del pubblico partecipante, sarà curata dalla chef Andrea Pellegrini.

Al termine della dimostrazione, a tutti i partecipanti, verrà offerto un assaggio della ricetta elaborata.

 Facoltativo, proseguire la serata con l’aperitivo a pagamento dell’Associazione Cuochi di Torino, che al prezzo simbolico di € 6,00 proporrà altre golosità a base dei prodotti ospiti della serata.

Il ciclo di appuntamenti di “Cosa Bolle in Pentola” si inserisce all’interno del progetto “Giovani Eccellenze in Rete” ideato e realizzato dalla Conservatoria delle Cucine Mediterranee con il sostegno della Fondazione CRT. Collabora l’Associazione Cuochi di Torino con i suoi spazi dedicati alla cucina, alla sapienza del cibo e alla tradizione.

 Un progetto giunto alla terza edizione, nato per promuovere e valorizzare le interessanti realtà imprenditoriali nei settori produttivi e di trasformazione del territorio piemontese che hanno saputo distinguersi, alimentando un impegno nei riguardi della sostenibilità e tutela ambientale, senza trascurare il legame con le tradizioni e la cultura del territorio di appartenenza.

La partecipazione agli showcooking è gratuita.

Vista la capienza limitata occorre prenotarsi a conservatoria@cucinemediterranee.net

L’incontro avrà inizio alle h 19.00

 Per maggiori informazioni: www.cucinemediterranee.net
                                           
 https://www.facebook.com/conservatoriacucinemed

                                           

CCM                                     logo_FCRT_RGB_pos         LOGO ACT REG. rid

 Scarica la locandina del 21 giugno   

Locandina 21 giugno

  Resta aggiornato sui prossimi appuntamenti con il QRcode dinamico

QR code Calendario per Cartolina_Multiverde

 

 

Martedì 7 giugno “Cosa Bolle in Pentola” presenta le aziende “AgricooPecetto” e “Mulino Marello”

Al via la nuova stagione diCosa Bolle in Pentola”, showcooking live a partecipazione gratuita organizzati dalla  Conservatoria delle Cucine Mediterranee.

Un’occasione unica e golosa per riscoprire il territorio piemontese e i prodotti di eccellenza dalla voce diretta dei protagonisti.

Il 7 giugno, Cosa Bolle in Pentola” inaugura il 1^ dei 4 appuntamenti in programma, dedicando la serata alla “Ciliegia di Pecetto” e ai prodotti Bio della cooperativa agricola “AgricooPecetto della collina torinese e alle farine “Gluten Free” del Mulino Marello di Camino (Al).

A partire dalle h 19.00, presso la storica sede dell’Associazione Cuochi, in Via Bogino 17 a Torino, sarà possibile conoscere in dettaglio, le caratteristiche uniche di alcuni prodotti di eccellenza del territorio piemontese dalla voce diretta dei protagonisti.

A raccontare le peculiarità di questi prodotti, Elena Comollo, legale rappresentante della cooperativa agricola multifunzionale che conta 20 aziende associate e Guido Marello, titolare dell’omonima Azienda Agricola e dell’annesso mulino.

Gli appuntamenti aprono con un classico di stagione: la pregiata ciliegia  di Pecetto, prodotto inserito nel Paniere dei prodotti tipici della provincia di Torino, ora Città Metropolitana.

Ad accompagnare i prodotti a km0 della cooperativa che si fregia del titolo di Maestro del Gusto, un ospite d’eccezione: il Mulino Marello, fornitore delle rinomate gelaterie Grom, con le sue farine tutte rigorosamente Gluten Free .

L’appuntamento sarà anche occasione per conoscere ed incontrare gli altri protagonisti che operano all’interno delle aziende ospiti: da Renato Comollo a Emanuele Penasso per AgricooPecetto, a Rosa Rizzo moglie di Guido per il Mulino Marello.

Le loro esperienze sapranno catturare la vostra attenzione: dall’utilizzo di un impianto, unico in Europa, che utilizza le onde di radiofrequenza per l’essiccatura delle granaglie coltivate nell’Az. Agr. Marello e poi trasformate nell’omonimo mulino a pietra, alla cooperativa multifunzionale di Pecetto che oltre a promuovere la sostenibilità ambientale e la biodiversità, opera attivamente anche negli ambiti della didattica e del sociale.

A condurre l’incontro, gli approfondimenti e le curiosità, sarà lo chef Istruttore Enrico Bricarello, mentre la dimostrazione della ricetta dal vivo, realizzata in presenza del pubblico partecipante, sarà curata dalla chef Andrea Pellegrini.

Al termine della dimostrazione, a tutti i partecipanti, verrà offerto un assaggio della ricetta elaborata.

Facoltativo, proseguire la serata con l’aperitivo a pagamento dell’Associazione Cuochi di Torino, che al prezzo simbolico di € 6,00 proporrà altre golosità a base dei prodotti ospiti della serata.

Il ciclo di appuntamenti di “Cosa Bolle in Pentola” si inserisce all’interno del progetto “Giovani Eccellenze in Rete” ideato e realizzato dalla Conservatoria delle Cucine Mediterranee con il sostegno della Fondazione CRT. Collabora l’Associazione Cuochi di Torino con i suoi spazi dedicati alla cucina, alla sapienza del cibo e alla tradizione.

Un progetto giunto alla terza edizione, nato per promuovere e valorizzare le interessanti realtà imprenditoriali nei settori produttivi e di trasformazione del territorio piemontese che hanno saputo distinguersi, alimentando un impegno nei riguardi della sostenibilità e tutela ambientale, senza trascurare il legame con le tradizioni e la cultura del territorio di appartenenza.

La partecipazione agli showcooking è gratuita.

Vista la capienza limitata occorre prenotarsi a conservatoria@cucinemediterranee.net

L’incontro avrà inizio alle ore 19.00 

Per maggiori informazioni: www.cucinemediterranee.net https://www.facebook.com/conservatoriacucinemed

  CCM LOGO ACT REG. rid

 

logo_FCRT_RGB_pos 

Scarica la locandina del 7 giugno  

Locandina 7 giugno - GEM3

 

Resta aggiornato sui prossimi appuntamenti con il QRcode dinamico

QR code Calendario per Cartolina_Multiverde

Venerdì 12 giugno “Cosa Bolle in Pentola” presenta “La Meisoun dei Roc”

Cosa Bolle in Pentoladedica il 6^ Appuntamento di Showcooking live alla “Formagerie La Meisoun dei Roc”, piccolo laboratorio di caseificazione dell’Az. Agr. Degioanni Isabella di Sambuco - Cn.

A partire dalle h 19.00, presso la sede dell’Associazione Cuochi, in Via Bogino 17, insieme a Marta Fossati analizzeremo tutte le fasi della lavorazione e trasformazione dei formaggi caprini e della coraggiosa scelta di vita della nostra giovane protagonista e di suo marito Luca Giacosa.

L’amorevole cura per i capi in azienda, di razza alpina meticcia, si percepisce nell’immediato e si manifesta non solo nella scelta di un’alimentazione del tutto naturale, ma dall’attenzione che Marta e Luca riservano ad ogni esemplare, battezzandoli singolarmente con un nome proprio.

Tutti i formaggi caprini della “Meisoun dei Roc” vengono prodotti con latte crudo. Caratteristica principale del latte caprino e l’ottima digeribilità data dalla composizione proteica che presenta un tasso di catena inferiore al vaccino.

Ma non è tutto…. le peculiarità dell’Azienda e della Fromagerie non si limitano alla sola cura dell’alimentazione, del benessere degli animali e della qualità naturale dei prodotti, degna di nota, infatti, è la particolare iniziativa imprenditoriale proposta dai due giovani produttori.

Per ovviare alle difficoltà oggettive di gestione dell’Azienda nel periodo invernale, quando, per ragioni biologiche la produzione di latte cessa completamente, Marta e Luca promuovono il programma “Adotta una capra”

Nessun timore, Marta e Luca non chiedono che vi portiate a casa una capra… l’adozione è assolutamente virtuale!

Con soli 100 euro versati alla “Meisoun dei Roc” il sottoscrittore avrà raggiunto due importanti obiettivi: aiutare i giovani imprenditori ad affrontare la stagione di “magra” invernale, ed entrare nel novero degli aventi diritto a godere del “pacco della capra” che consiste in una fornitura di formaggi del valore di 120 euro.

A partire dal mese di Aprile dell’anno seguente, infatti, ogni settimana sarà a disposizione degli aderenti al programma, una selezione di formaggi sino al raggiungimento del valore prefissato.

Cos’altro aggiungere se non la domanda: “chi mai potrà garantirvi una rendita del 20% sul capitale investito?”……

A condurre l’incontro, gli approfondimenti e le curiosità sull’azienda, sarà lo chef Istruttore Enrico Bricarello, mentre la dimostrazione della ricetta dal vivo, elaborata per esaltare le qualità dei prodotti “ospite” in presenza del pubblico partecipante, sarà curata dalla chef Andrea Pellegrini.

Al termine della dimostrazione, a tutti i partecipanti, verrà offerto un assaggio gratuito della ricetta elaborata: “Sfogliatina con caprino stagionato e albicocca al forno”.

La partecipazione agli showcooking è gratuita.
Vista la capienza limitata, occorre prenotarsi a
conservatoria@cucinemediterranee.net
L’incontro avrà inizio alle h 19

A seguire, l’Associazione Cuochi organizzerà un aperitivo, a pagamento, proponendo altre ghiottonerie con i prodotti della “Meisoun dei Roc” accompagnate da vini e bevande dei viticoltori e produttori piemontesi di riferimento.

Buffet + 1 consumazione € 6,00. Consumazioni aggiuntive € 2,00 cad.
Tra le proposte segnaliamo: Bonbon di fichi caramellati e caprino fresco, Insalatina di cereali misti robiola e mentuccia, Fagottino di pasta brik e caprino semi-stagionato, Insalata con frutta ed erbette condita con yogurt di capra.
 

Per maggiori info, consulta la locandina, segui gli aggiornamenti sulla pagina facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/conservatoriacucinemed o direttamente all’evento dedicato.

Venerdì 5 giugno “Cosa Bolle in Pentola” presenta l’Az. Agr. e Bio “Roberta Capanna”

Il 5^ Appuntamento di Showcooking live di “Cosa Bolle In Pentola” ospita le erbe aromatiche e officinali dellAz.Agr. Bio “Roberta Capanna” di Valgrana – Cn.

A partire dalle h 19.00, presso la sede dell’Associazione Cuochi, in Via Bogino 17, approfondiremo le tematiche del biologico, della sostenibilità ambientale e della grande passione di questa piccola azienda artigianale a conduzione familiare.

Insieme a Roberta Capanna e alla figlia Stefania andremo alla scoperta delle varietà di erbe aromatiche ed officinali coltivate secondo il modello naturale e rigorosamente biologico della “BioCapanna”.

Piante e fiori, raccolti manualmente, vengono poi lavorati all’interno del laboratorio aziendale per essere trasformati in prodotti per l’alimentazione, la salute e la cosmesi.

Nei quattro ettari di terreno dell’azienda, tutti i fiori presenti si riproducono naturalmente e direttamente in campo, attraverso l’autosemina.

All’interno dell’azienda non si coltivano solo fiori e ed erbe, ma anche numerosi i prodotti orticoli.

Rimanendo in tema di sostenibilità ambientale, segnaliamo la presenza di un laghetto di fitodepurazione realizzato con il contributo del Comune di Valgrana. Inoltre, la particolare salubrità dell’aria e del terreno hanno favorito l’insediamento di 6 arnie che, oltre a garantire una piccola produzione di miele per autoconsumo garantiscono l’indispensabile lavoro di impollinazione delle piante.

La “BioCapanna” organizza corsi teorico-pratici di botanica con possibilità di uscite sul campo…… approfittatene.

A condurre l’incontro, gli approfondimenti e le curiosità sull’azienda, sarà lo chef Istruttore Enrico Bricarello, mentre la dimostrazione della ricetta dal vivo, elaborata per esaltare le qualità dei prodotti “ospite” in presenza del pubblico partecipante, sarà curata dalla chef Andrea Pellegrini.

Al termine della dimostrazione, a tutti i partecipanti, verrà offerto un assaggio gratuito della ricetta elaborata: “Bollito di Vitello in salsa alla Calendula.

La partecipazione agli showcooking è gratuita.
Vista la capienza limitata, occorre prenotarsi a
conservatoria@cucinemediterranee.net
L’incontro avrà inizio alle h 19

A seguire, l’Associazione Cuochi organizzerà un aperitivo, a pagamento, proponendo altre ghiottonerie con i prodotti dell’Az. Agr. “BioCapanna” accompagnate da vini e bevante dei viticoltori e produttori piemontesi di riferimento.

Buffet + 1 consumazione € 6,00. Consumazioni aggiuntive € 2,00 cad.
Tra le proposte segnaliamo: : Insalatina di campo, Salmone marinato ai sali aromatizzati, Quiche profumata ai fiori di zucca e lavanda, Frittelle di erbe di campo e caprino morbido.

Per maggiori info, consulta la locandina, segui gli aggiornamenti sulla pagina facebook all’indirizzo https://www.facebook.com/conservatoriacucinemed o direttamente all’evento dedicato.

Carrè e filetto disossati di agnello sambucano profumati al rosmarino

Per farci un’idea dello showcooking con l’Agnello Sambucano di venerdì 18 alle 18 presso Bottega Gastronomica, l’ultima puntata di Chiacchiere in bottega, leggiamo questa deliziosa ricetta.

Ingredienti (per 4 persone)Foto controfiletto

3 pezzi di carrè di agnello sambucano con filetto
2/3 rametti di rosmarino
olio extra vergine di oliva q.b
un bicchierino di cognac
una noce di burro
un cucchiaio di fondo bruno o di salsa d’arrosto(facoltativo)
sale in scaglie

Procedimento

Iniziare disossando il carrè e il filetto in modo da ottenere due pezzi interi di carne. Una volta disossati, mettere a marinare per almeno 24 ore i carrè e i filetti con olio extra vergine di oliva e rosmarino. Per questa operazione l’ideale sarebbe utilizzare dei sacchetti sottovuoto, in modo tale da lasciare la carne con olio e rosmarino a macerare senza ossigeno; in alternativa, è possibile disporre il tutto in un recipiente stretto e alto, facendo attenzione che l’olio ricopra completamente la carne, e chiudendo il recipiente con della pellicola alimentare che tocchi l’olio per non far passare l’ ossigeno. Dopo un giorno di marinatura, procedere con la cottura.

Preriscaldare una padella con due abbondanti cucchiai di olio extra vergine di oliva; quando l’olio è ben caldorosolare la carne precedentemente macerata da tutti e due i lati a fuoco medio, per 3-4 minuti. Date le caratteristiche dell’agnello Sambucano, dalla consistenza tenera e dal sapore particolarmente delicato, il piatto è adatto ad essere servito al sangue; per ottenere una maggiore cottura, si consiglia di allungare i tempi della rosolatura in padella abbassando leggermente il fuoco.

A questo punto, fiammeggiare la carne con un bicchierino di cognac e, quando la fiamma si è spenta, togliere la carne facendo attenzione a porla in un luogo caldo (per esempio in forno, o vicino ai fornelli) in modo che non si raffreddi, continuare la cottura per ridurre la salsa aggiungendo una noce di burro e, volendo un cucchiaino di fondo bruno o di sugo d’arrosto per esaltare il sapore (facoltativo).

Ridotta la salsa, tagliare la carne a fettine sottili di 1/2 cm circa, disponendole poi su un piatto leggermente caldo. Condire con un po’ di sale in scaglie, olio extra vergine di oliva, e aggiungere la riduzione di salsa. Servire caldo accompagnato da un’insalata fresca o da un purè di patate.

Showcooking con Azienda Agricola Sama Laboratorio del Gusto il 4 aprile alle 18

Logo SAMAForse non lo sapete ma si può fare l’olio anche dalle nocciole. È il sesto appuntamento con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica per venerdì 4 aprile alle 18 in compagnia di Azienda Agricola SAMA.IMG_0974

Grazie alle sue proprietà organolettiche, derivanti dall’alta qualità delle Nocciole, il Noccio Olio, con il suo intenso profumo ed il gusto estremamente particolare e gradevole è un accompagnatore d’eccellenza per ogni portata.
Dall’antica tradizione del Monferrato nasce l’olio di Nocciola, prodotto dalla spremitura meccanica e a freddo dal 100% di Nocciole coltivate nel Monferrato, ricco di preziose qualità nutrizionali, energetiche, vitali, utili al benessere naturale e con alto potere antiossidante.

 Locandina-Fattoria_Aglio

 

Fusilli di Barbarià in Bagna Grisa rivisitata

Venerdì 7 marzo alle 18 scopriremo tutti i segreti del Barbarià®, una farina composta da semi di grano e segale. Si tratta di un metodo che, anticamente, consentiva alle popolazioni montane e pedemontane di ottenere una farina più digeribile di quella che veniva prodotta con la sola segale. Oggi il Barbarià® rappresenta un progetto che prevede l’impiego e la rievocazione di antiche coltivazioni tradizionali.

Venite a trovarci al terzo appuntamento con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica con i produttori di Pastifico Antilia.

Ingredienti per 4 persone

400 g Fusilli al Barbarià®
200 g di formaggio Nostrale stagionato / o toma piemontese
50 g di burro
2 porri medi
2 bicchieri di latte
1 bicchiere di panna liquida da cucina
Sale e pepe q.b.

Preparazione

Soffriggere nel burro i porri finemente tagliati a rondelle, aggiungere il latte e fare evaporare a fuoco vivo per qualche minuto. Unire il formaggio a pezzetti e la panna e cuocere per qualche altro minuto a fiamma molto bassa mescolando con continuità affinché il formaggio si sciolga completamente. Pepare e aggiustare di sale.
Nel frattempo portare a ebollizione una pentola d’acqua salata. Gettare i fusilli e cuocerli per 6 minuti.
Scolare la pasta e condirla immediatamente con la bagna grisa.

Locandina-Fattoria_Aglio

Showcooking con Pastifico Antilia il 7 marzo alle 18

LogoTerzo appuntamento con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica per venerdì 07 marzo alle 18. Questa volta gusteremo i prodotti di Pastificio Antilia di Busca (Cn). La loro pasta da grano biologico è la regina indiscussa di questo showcooking.Immagine05

Una realtà molto giovane, nata nel maggio 2013, da Fausto Pignatta e Marco Risso che hanno deciso di presentare al mercato un prodotto artigianale e biologico. Infatti tutti gli ingredienti utilizzati sono certificati e provengono da agricoltura e allevamenti biologici. Il laboratorio del pastificio è dotato di un impianto fotovoltaico che fornisce l’energia necessaria alla produzione della pasta.
Il Pastificio Antilia ha ottenuto nel dicembre 2013 la certificazione biologica dall’ente CCPB.

Il Pastificio Antilia sceglie con cura le materie prime per la produzione della pasta, il grano duro da mulini italiani che garantiscono la filiera biologica e le uova da allevamenti biologici. Per la linea integrale il Pastificio Antilia utilizza la farina biologica di Barbarià®, coltivato nella zona di Caraglio (Cn). Barbarià®, il cui nome deriva da “imbarbarito,imbastardito” era un’antica tecnica che prevedeva la semina autunnale di una miscela composta da semi di grano e segale. Si trattava di un metodo che consentiva alle popolazioni montane e pedemontane di ottenere una farina più digeribile di quella che veniva prodotta con la sola segale. Oggi il Barbarià® rappresenta un progetto che prevede l’impiego e la rievocazione di antiche coltivazioni tradizionali, un tempo presenti nei nostri territori e ora purtroppo cadute, con i loro sapori, nell’oblio.

Lo staff di Pastificio Antilia, con Marco Risso e Fausto Pignatta, cucina davanti ai vostri occhi un prelibato piatto: tagliatelle di Barbarià® con olio extravergine e parmigiano e fusilli di Barbarià® in bagna grisa rivisitata.

La partecipazione allo show-cooking è gratuita. Vista la capienza limitata occorre obbligatoriamente prenotarsi al seguente indirizzo email: conservatoria@cucinemediterranee.net

FusilliB   Maccheroni TagliatelleB

Locandina-Fattoria_Aglio

 La locandina dell’evento del 07/03

Ricetta della settimana | Rollè di peperoni di Carmagnola e “Aj love you”

Una gustosa ricetta con la crema di aglio Aj love you prodotta da Fattoria dell’aglio, i protagonisti di Chiacchiere in bottega, il nostro showcooking del 28 febbraio alle 0re 18 presso Bottega Gastronomica.

Ingredienti

4 peperoni di Carmagnola
1 vasetto di crema Aj love you
30 g di prezzemolo
Olio extra vergine q.b.
Sale q.b.

Preparazione

Cuocere i peperoni in forno per 35 minuti a 170-180°C; chiuderli in un sacchetto di nylon per facilitarne la pelatura. Dopo 10-15 minuti, quando saranno tiepidi, pulirli togliendo buccia e semini. Tagliare i peperoni a strisce larghe 7-8 cm e farcirli con la crema Aj love you arrotolandoli.
Tritare il prezzemolo e bagnare i peperoni con l’olio extravergine.
Cospargere i rollè con il prezzemolo e servirli freddi.

La treccia

Produttori piemontesi tra show cooking ed ebook

Grandi novità in casa Conservatoria. Il 2014 parte con un nuovo progetto di Conservatoria delle Cucine Mediterranee sostenuto da Fondazione CRT. Un progetto nuovo, che guarda alle produzioni del territorio e a un tipo di comunicazione del food digitale e innovativa.

logo_FCRT_RGB_pos

Fattoria dell'aglioL’idea è semplice: trovare 8 produttori piemontesi, attenti alla tradizione e che lavorano in modo sostenibile, e farli conoscere a un pubblico più ampio. Come? Raccontando le loro storie in modo diverso dal solito: attraverso degli eventi di show-cooking che coniughino dialogo, cucina e spettacolo, e la pubblicazione di un ebook.

Si parte a febbraio con i primi due appuntamenti dello show-cooking Chiacchiere in Bottega che si tiene presso Bottega Gastronomica: il ritrovo che unisce gastronomia e osteria nel cuore di Porta Palazzo, una nuova realtà cittadina attenta a proporre cibi di qualità.

Schermata 2014-01-28 alle 15.52.42Venerdì 7 febbraio alle 18 è il turno di Argalà con il suo pastis artigianale molto aromatico e unico in Piemonte, mentre venerdì 28 febbraio, sempre alle 18, scende in campo La fattoria dell’aglio con la crema di aglio Aj love you e la farina Barbarià, prodotti particolari, antichi e ancora poco noti.
Entrambi i produttori, selezionati da Conservatoria, ci parleranno della loro storia e dei loro prodotti.

La partecipazione agli show-cooking è gratuita. Vista la capienza limitata occorre obbligatoriamente prenotarsi al seguente indirizzo email: conservatoria@cucinemediterranee.net

Questi due incontri sono solo i primi della serie Chiacchiere in Bottega: i prossimi appuntamenti saranno a marzo e aprile in date da definirsi e che vi comunicheremo quanto prima.

Zandegù

A fine aprile uscirà, edito dall’editore indipendente e digitale Zandegù, un ebook dove 4 stelle del food blogging Mariachiara Montera di The chef is on the table, Anna Buganè di Cucina Precaria, Sandra Salerno di Un tocco di zenzero e Sara Tescari&Paolo Arcuno di Fico e Uva incontrano gli 8 produttori selezionati e raccontano in modo fresco e ricco di spunti interessanti cosa si cela dietro la scelta di fare un lavoro così manuale. Per scoprire realtà poco note e l’importanza delle radici e diffondere a un pubblico sempre più ampio e connesso queste storie e questi valori. Un incontro tra artigianalità e anime digitali in un ebook che sarà in vendita sul sito della casa editrice e su tutti i principali store online come Amazon.

Scarica qui il comunicato stampa.

Scarica qui il calendario completo.