Tag Results

Conclusa con successo la porzione italiana della prima edizione dell’International Honors Program – Rethinking Food Security: People, Agriculture and Politics

Dopo l’analisi sistematica di Roma e la visita alle Agenzie Internazionali come FAO, IFAD e Bioversity, grazie alla collaborazione avviata con Terra Nuova ONLUS, la porzione di Torino dell’International Honors Program – Rethinking Food Security: People, Agriculture and Politics,promosso dal World Learning attraverso il SIT Study Abroad e coordinato a livello nazionale dalla Conservatoria delle Cucine Mediterranee (CCM) di Torino, è tornata a trattare il tema della sicurezza alimentare secondo un approccio di indagine più locale e territoriale che ha incluso l’esame dell’aspetto legato alla food safety, senza tralasciare le prospettive sociali, storiche, culturali e ambientali che regolano e valorizzano il patrimonio agroalimentare presente in Piemonte e, più in generale, in Italia.

Nel corso della prima settimana sono state analizzate in dettaglio le dinamiche dell’approvvigionamento e della distribuzione del cibo in tutte le sue forme, dai piccoli ai grandi mercati locali cittadini passando per il settore di commercializzazione all’ingrosso dei prodotti alimentari per arrivare alla GDO – Grande Distribuzione Organizzata attraverso l’excursus della comparsa ed evoluzione delle nuove forme di commercio al dettaglio espresse dai supermercati, all’ascesa delle attuali botteghe di eccellenza sino alle nuove forme di commercio sostenibile espresse dai GAS – Gruppi di Acquisto Solidale e GAC Gruppo di Acquisto Collettivo.

Di particolare interesse, le visite al mercato di Porta Palazzo in collaborazione con “Viaggi Solidali” e The Gate, quella a Fiorfood e al CAAT – Centro Agro Alimentare di Torino supportata dall’Agronomo Daniele Gotto e dagli approfondimenti del Direttore Massimo Busi, seguita dalla prima uscita sul territorio all’Agrocompany di Chieri, nelle colline torinesi, e ancora dagli incontri presso la City Hall per una prima presentazione delle azioni intraprese dal territorio e in particolare dalla Città di Torino in favore della sicurezza alimentare.

La seconda settimana è stata, invece, dedicata all’analisi delle politiche e della strategie adottate dalle Istituzioni territoriali in relazione alla tema portante del programma studio. Gli interventi dell’Assessore Ferrero della Regione Piemonte e di Elena Di Bella della Città Metropolitana hanno permesso di illustrare agli studenti gli scenari presenti ed attivi sul territorio in termini di sicurezza alimentare, inclusi i progetti in fase di attuazione, quali Nutrire Torino Metropolitana, e presentare le strategie europee ed i Programmi regionali che intervengono in favore dell’agricoltura come PAC – Politica Agricola Comunitaria e PRS – Programma di Sviluppo Rurale, assicurando agli studenti una migliore comprensione degli interventi attivati in conformità con le direttive europee. L’incontro è stato anche occasione per presentare i principali marchi di qualità, strumenti che tutelano e promuovono la biodiversità e il patrimonio agroalimenteare presenti sul territorio nazionale.

Approfondite e specifiche nozioni di Food Safety sono state invece affidate agli esperti del Laboratorio Chimico della Camera di Commercio della Città di Torino.

A coronare l’analisi delle tematiche di interesse, le visite alla Casa della Piemontese e all’ANABORAPI (Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Piemontese) di Carrù insieme all’incontro con un allevatore di zona, seguita dalla visita guidata alle Fattorie Osella di Caramagna Piemonte, dove personale altamente specializzato ha accompagnato gli studenti all’interno del caseificio permettendogli di seguire le linee di produzione ed osservare le celle di maturazione dei formaggi prodotti nella rinomata azienda locale.

 Il programma è proseguito con il completamento dei moduli didattici predisposti per tutto il periodo dai local faculty sui temi antropologici e ambientali, oltre all’intervento di un rappresentante del Centro Comune di Ricerca della Commissione Europea (JRC: Joint Research Centre) che ha illustrato in dettaglio l’impegno dell’Unione Europea sul tema della sicurezza alimentare. Ulteriori approfondimenti sulla valorizzazione delle produzioni tipiche, sul sistema di distribuzione e stoccaggio dei prodotti agroalimentari e cerealicoli è stato possibile grazie alle visite all’Organizzazione di Produttori “Ortofruit Italia” di Saluzzo e alla sede di Vigone del CAPAC (Consorzio Agricolo Piemontese per Agroforniture e Cereali).

Straordinaria l’esperienza di “Peer Education” realizzatasi con il contributo degli studenti dell’Istituto Alberghiero Professionale Statale “Giuseppina Colombatto” grazie alla collaborazione della dirigente Claudia Torta e all’intervento di tutto il corpo insegnanti coinvolto.

 Il programma Studi non poteva non includere una visita didattica all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo realizzata in associazione e con l’intervento di Slow Food di Bra.

Solo un contrattempo ha impedito la realizzazione di uno speciale modulo didattico dedicato all’argomento trasversale delle modalità di comunicazione del tema della sicurezza alimentare, anche alla luce e attraverso l’analisi dei nuovi strumenti di informazione ad accesso immediato, veicolati dai social network. La visita allo storico laboratorio del Cioccolato Peyrano e allo stabilimento della Lavazza di Grugliasco hanno completato il programma delle visite in azienda.

Un soggiorno in area rurale volto a permettere agli studenti la rielaborazione complessiva di tutti i contenuti analizzati nel corso dei 4 mesi del Programma strutturato attraverso il viaggio itinerante in 4 continenti, ha portato a conclusione,con la piena soddisfazione dei partecipanti, committenti ed organizzatori, la porzione italiana del primo Programma Studio Internazionale denominato: Rethinking Food Security: People, Agriculture and Politics.

Il Gran Balon e l’Alba dei Rigattieri | 14 giugno | Edizione Speciale | Porta Palazzo | dalle 3.00 del mattino

Grande fermento a Porta Palazzo domenica 14 giugno.

Questo mese al Gran Balon è l’Alba dei Rigattieri

A partire dalle prime luci del mattino, una vera festa dei rigattieri, con locali aperti che a partire dalle 3.00 a.m. proporranno ricche colazioni.

I Brocantes allestiranno il loro spazio e saranno operativi dalle 04.00.

Aderiscono all’Edizione Speciale 450 espositori, negozi, ristoranti tra le vie Lanino, Mameli,Borgo Dora, San Simone, Canale Carpanini, Canale Molassi, Cortile del Maglio, Piazza Borgo Dora, Lungo Dora Agrigento, Salita e balconata antistanti il Cortile del Maglio.

Un evento davvero imperdibile!!!!

Per info e contatti: http://www.balon.it/

gran_balon_2

“Porta Palazzo come ti vorrei” – Domenica 14 giugno – 11.00 | 24.00

Conservatoria delle Cucine Mediterranee​ segnala l’evento:

Porta Palazzo come ti vorrei
Domenica 14 giugno – dalle 11 alle 24
Piazza della Repubblica e luoghi limitrofi di Porta Palazzo

LABORATORI – SPETTACOLI – WORKSHOP – MOSTRE FOTOGRAFICHE – PASSEGGIATE INTERCULTURALI – DEGUSTAZIONI – PROIEZIONI – CENA PARTECIPATA

Avere la possibilità di disegnare un sogno su un enorme foglio bianco, un sogno che riguardi il proprio quartiere. E’ quello che hanno fatto le Associazioni attive a Porta Palazzo per dare vita ad una giornata speciale che animerà la piazza e numerosi altri angoli del quartiere Domenica 14 giugno. A partire dalle 11 del mattino e fino a tarda sera, Piazza della Repubblica e altri luoghi di Porta Palazzo daranno corpo ai sogni che i suoi abitanti più attivi hanno deciso di condividere e mettere a disposizione di tutta la popolazione della città.
Si inizierà, dalle 11 alle 13,30, con l’inaugurazione del progetto “St’ orto – una terra per crescere” a cura dell’Associazione Fuori di Palazzo, con diversi momenti dedicati a grandi e piccini.
Il pomeriggio, dalle 15 alle 19, la festa si sposterà in Piazza della Repubblica. L’esedra est, tra i portici e via Milano,sarà animata dai laboratori per bambini e famiglie a cura dello Spazio ZeroSei e di Cantiere Barca. In contemporanea anche gli adulti potranno partecipare a un laboratorio di street foto a cura del Collettivo fotografico Diecicento, o visitare le due mostre, fotografica e di acquerelli, allestite dal Collettivo fotografico Diecicento e dagli artisti e abitanti di Luoghi Comuni Porta Palazzo Felipe Quintero e Paula Mendez.
Sempre alla stessa ora, Yepp Porta Palazzo permetterà ai partecipanti di mettere in pratica la loro attività sportiva cimentandosi in una lezione di Capoeira o in una partita di calcio a tre; L’Associazione Amece terrà invece un laboratorio di calligrafia araba e tatuaggi hennè.

La sede di Viaggi Solidali in Piazza della Repubblica sarà per l’occasione aperta delle 16,30 alle 24 e accoglierà la Mostra Fotografica “Tutto un altro viaggiare”. Alle 16,30 Viaggi Solidali organizzerà una passeggiata interculturale tra le associazioni del territorio, con partenza dala galleria Umberto I.
Infine, tra le 16 e le 19,30 Cohousing Numero Zero di Via Cottolengo 4 ospiterà la presentazione Progetto VicinidiCasa e del social network di quartiere a cura di Fuori di Palazzo e Coabitare. Sul terrazzo sarà invece possibile assistere a diverse proiezioni tutte dedicate alla vita e alla storia di Porta Palazzo, a cura di Yepp Porta Palazzo e Viaggi Solidali.

La giornata culminerà nella tettoia dei contadini con la cena partecipata del vicinato a cui faranno seguito video proiezioni musicate dal vivo: a cura di Associazione SalotTo Musica, Associazione Museo Nazionale del Cinema e Luoghi Comuni.

Tutte le attività sono gratuite. L’evento è realizzato con il patrocinio della Città di Torino, della Circoscrizione 7 e Circoscrizione 1.

PROGRAMMA

PORTA PALAZZO COME TI VORREI …
DOMENICA 14 GIUGNO 2015 DALLE 11 ALLE 24

11:00 Via Andreis 10, dietro San Pietro in Vincoli
INAUGURAZIONE PROGETTO ST’ ORTO – UNA TERRA PER CRESCERE -
Presentazione del progetto delle finalità, delle prospettive, a cura del presidente di Fuori di Palazzo
a seguire Tour guidato degli adulti da parte di volontari dello St’ Orto e visita per i bimbi con giochi all’aria aperta e laboratori manuali

12.00 SPETTACOLO DI ACROBAZIE A CURA DI NAFSI AFRICA
12.30 APERITIVO PER BIMBI
13.30 LETTURE PRE NANNA
A cura di Fori di Palazzo

15.00 – 19.30 Esedra compresa tra via Milano – portici di Piazza della Repubblica – perimetrale Piazza della Repubblica. Lato est. Spiazzo e portici.

- LABORATORI PER BAMBINI E FAMIGLIE: “I sogni nella cassetta”. Attività per bambini e famiglie a cura di Spazio Zerosei. A partire dal riuso delle cassette del mercato si coloreranno i sogni dei bambini e degli adulti. Colori e parole raccolte sulla piazza.
- WORKSHOP DI AUTOCOSTRUZIONE DI GIOCATTOLI: a cura di Cantiere Barca e dei coabitanti Luoghi Comuni
- MOSTRA FOTOGRAFICA: “Torino vuol dire” a cura del Collettivo fotografico Diecicento
- LABORATORIO FOTOGRAFICO STREET FOTO a cura del Collettivo fotografico Diecicento
- MOSTRA DISEGNI AD ACQUARELLO TORINO E PORTA PALAZZO a cura dei coabitanti di Luoghi Comuni Paula Mendez e Felipe Quintero.
- BICIRELLA: raccolta e promozione itinerante dei sogni, a cura di Yepp Porta Palazzo.

15.00 – 19.30 Esedra compresa tra via Milano – portici di Piazza della Repubblica – perimetrale Piazza della Repubblica. Lato ovest. Spiazzo e portici.

- CAPOEIRA: breve esibizione e lezione aperta al pubblico, a cura di Yepp Porta Palazzo.
- CALCIO A TRE:; un piccolo campo di calcio per “partitelle a tre” per fare giocare i partecipanti all’evento, a cura di Yepp Porta Palazzo.
- LABORATORIO DI CALLIGRAFIA ARABA E DI TATUAGGI HENNE’: a cura dell’Associazione Amece

16.30 – 24.00 Viaggi Solidali sede

MOSTRA fotografica “Tutto un altro viaggiare”

16,30 PASSEGGIATA INTERCULTURALE dalla Galleria Umberto I fino a Viaggi Solidali, tra Associazioni, Mercato e Antiquari di Porta Palazzo (spazio Zerosei, mercato, asian market, terrazza cohousing, moschea, viaggi solidali/luoghi comuni), a cura di Viaggi Solidali

16.00 – 19.30 Cohousing N° Zero – Via Cottolengo 4.

- PRESENTAZIONE Progetto VicinidiCasa - www.vicinidicasa.com - Progetto di Fuori di Palazzo e Coabitare, PRESENTAZIONE DEL SOCIAL NETWOK Di Quartiere, a cura di Fuori di Palazzo e Coabitare
- PROIEZIONI IN TERRAZZA
- “Il boia di Porta Pila”, di Valeria Zecchinato, 12′,29″ – storia del giornaliaio/writer di porta palazzo; Yepp
- “Recupero” di Indrit Metiku, 10′, 27″ – racconto del lavoro di recupero volontario e trasformazione del cibo scartato dal mercato di Porta Palazzo;Yepp
- “Corneliu e Paolino” di Emanuele Marini, 15′,16″ – la vita quotidiana e gli espedienti di due abitanti di Borgo Dora, venditori al balon;Yepp
- “Senza nome” di Emanuele Marchetto e Ruggero Alfano, 5′,23″ – Porta Palazzo di giorno e di notte, come cambia il mercato. Yepp
- cotrometraggio/documentario di Aldo Pavan: “Torino, guide migranti a Porta Palazzo”, 5 min; Viaggi Solidali

19.30 – 24.00 Tettoia dei contadini

19.30 PRESENTAZIONE Progetto VicinidiCasa - www.vicinidicasa.com - Progetto di FdP e coabitare, PRESENTAZIONE DEL SOCIAL NETWOK Di Quartiere, a cura di Fuori di Palazzo e Coabitare

18.30 – 21.00 ROTAZIONE DI VIDEO DI PRESENTAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI PROGETTI COINVOLTI

19.30 CENA PARTECIPATA DEL VICINATO: momento conviviale a cura di tutti gli organizzatori in cui i partecipanti portano da mangiare e da bere qualcosa da condividere.

21.00 VIDEO PROIEZIONI MUSICATE DAL VIVO: a cura di Associazione SalotTo Musica, Associazione Museo Nazionale del Cinema e Luoghi Comuni Porta Palazzo

- “One Week” di Buster Keaton (1920, 22′)
- “Neighbours” di Buster Keaton (1920, 18′)
- “Domenica in città” di Gino Brignolo (1961, 10′)
- “Follow-up” di Valentina Noya (2015, 8′), interviene l’autrice.
- “Uomo della pietra” di Giacomo Ferrante (1992, 19′), interviene l’autore.

Programma realizzato in collaborazione con l’Associazione Museo Nazionale del Cinema e Archivio Superottimisti.

Tutte le attività del programma sono gratuite.

Si ringraziano per il sostegno e la collaborazione: comitato progetto Porta Palazzo – The Gate Matteo Pericoli per l’illustrazione gli assessori Ilda Curti e Domenico Mangone
Iniziativa realizzata con il patrocinio della Città di Torino, della Circoscrizione 1 e della Circoscrizione 7

Info e contatti
info@luoghicomuni.org
www.luoghicomuni.org
Tel. + 39 011 0881180

PP come ti vorrei

Il video di Cinema al Mercato

La due giorni di Cinema al mercato dell’8 e 9 maggio 2014 riassunta in un bel video. Un progetto promosso da Conservatoria con Città di Torino e la collaborazione di Aiace Torino.

Cinema al Mercato e GEM-Giovani Eccellenze al Mercato, 2 giorni di eventi

Il mese di maggio sarà ricco di appuntamenti per Conservatoria, tutti all’insegna del gusto, ovviamente. E non solo: anche film, workshop e libri per la gastronomia abbraccia la cultura a 360°.

Giovedì 8 e venerdì 9 maggio infatti si svolgeranno a Porta Palazzo e con ingresso gratuito la II° edizione di Cinema al Mercato e gli eventi di chiusura del progetto GEM-Giovani Eccellenze al Mercato. L’unione dei progetti in un unico grande evento è importante per mettere l’accento sul fatto che i prodotti di eccellenza della nostra Regione (come quelli individuati da GEM), possono essere commercializzati al mercato e questo costituirebbe un duplice vantaggio: per i produttori che troverebbero un nuovo punto di distribuzione e per i mercati stessi che avrebbero un’offerta più ricca e di qualità.

Cinema al mercato, promossa dall’Assessorato al Commercio della Città di Torino e dalla Conservatoria in collaborazione con Aiace Torino è una manifestazione realizzata all’interno del progetto europeo CENTRAL MARKETS (sostenuto dal programma UE Central Europe 2007-2013), per la valorizzazione e promozione dei mercati tradizionali e dei loro prodotti. L’iniziativa è inserita nella Giornata internazionale dei mercati – celebrata con iniziative ad hoc da tutte le città capofila del progetto dei vari Paesi europei aderenti. La due-giorni torinese si ispira a un binomio d’eccellenza tutto subalpino che unisce sapientemente cinema e cibo di qualità.

Durante la serata dell’8 maggio, Conservatoria dà l’accento sul cibo da strada con le birre artigianali di Birrificio Torino, la gastronomia Yankuam & co. con i suoi panini espressi e i succhi di frutta autoprodotti e l’Apemangiando (della cooperativa Via Italia), una piccola Ape attrezzata per cucinare tempura di verdura servita in cartoccio e tortini, tutto bio. E per dessert, la Gelateria Popolare di via Borgo Dora avrà un banco con i suoi freschi gelati, alcuni dei quali preparati con la frutta del mercato. Tutti i piatti serviti sono preparati con i deliziosi prodotti del mercato di Porta Palazzo.

Dalle ore 21, proiezione a ingresso gratutito del documentario di Ferrando e Tealdi La Boqueria, sul mercato di Barcellona e Every Day Except Christmas, premiato alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1957, inno al mercato ortofrutticolo di Covent Garden.

Il 9 maggio il focus è sulla conclusione del progetto Giovani Eccellenze al Mercato, progetto della Conservatoria finanziato dalla Fondazione CRT, che ha visto 8 produttori piemontesi di alta qualità incontrarsi durante una serie di showcooking. Alle 18 un workshop gratuito incentrato sul tema della commercializzazione e promozione delle eccellenze del territorio, come quelle di GEM appunto, anche nei mercati. Modera Enrico Bricarello, chef istruttore dell’Istituto Professionale Alberghiero di Torino, giornalista e membro dell’Associazione Stampa Agroalimentare. All’incontro sono stati invitati i maggiori Esponenti Istituzionali e le Associazioni di Categoria competenti e attivi nei settori della promozione, del commercio e della valorizzazione del territorio. L’occasione sarà propizia ad un aperto confronto su alcune tematiche cruciali, che andranno ad insistere su argomenti di comune interesse, quali: sostenibilità ambientale, attenzione al territorio e salvaguardia del paesaggio naturale, adozione di fonti energetiche alternative, dialogo e dinamismo progettuale per cogliere e trasmettere le opportunità di accesso a fondi nazionali ed europei a sostegno delle attività agricole, forza sinergica dell’associazionismo nella commercializzazione dei prodotti di eccellenza, importanza dell’integrazione settoriale per una più ampia valorizzazione territoriale.

Seguirà alle ore 20 la presentazione a ingresso libero, all’interno del Salone OFF-Salone Internazionale del Libro di Torino, dell’ebook Gemme del gusto. Giovani produttori piemontesi di eccellenza si confessano edito da Zandegù. 4 foodblogger hanno intervistato gli 8 produttori piemontesi selezionati da Conservatoria all’interno del progetto GEM. Interverranno le foodblogger Anna Buganè, Mariachiara Montera e Sandra Salerno e l’editore Marianna Martino.

Alle ore 20.30 Conservatoria organizza una degustazione gratuita offerta agli spettatori, realizzata con l’Associazione Cuochi di Torino.
La degustazione prevede:

  • Focaccia alle nocciole con lardo
  • Bicchierini di maionese all’olio di nocciole e alla crema d’aglio con verdure crude
  • Mousse di tomino con salsa rossa piemontese
  • Insalata di riso Venere e pesce bianco
  • Insalata di riso rosso e pollo
  • Agnello sambucano marinato alle verdure e riso Apollo
  • Torta salata di toma e porri
  • Torta primaverile di ricotta ed erbette
  • Crostini di mais con salampatata
  • Crema di zucca al pastis
  • Paninetti barbarià con coppa e insalatine
  • Insalata di robiola con pere e nocciole

 

Dalle ore 21, i film: La storia di Agnes Browne diretto e interpretato da Anjelica Huston e il corto croato Plac – The Market. Le proiezione, come quella dell’8 maggio, è a ingresso gratuito fino a esaurimento posti.

Scarica il comunicato stampa della due giorni di eventi.

Scarica il programma della giornata del 9 maggio dedicata a GEM – Giovani Eccellenze al Mercato.

GEM_Workshop 9 maggio

 

 

Showcooking con Azienda Agricola La Cascinassa l’11 aprile alle 18

Logo La Cascinassa Eccoci arrivati al penultimo appuntamento con Chiacchiere in Bottega la nostra serie di showcooking golosi presso Bottega Gastronomica.

Venerdì 11 aprile alle 18 è il turno di Azienda Agricola “La Cascinassa” con la quale degusteremo i loro prodotti e assaggeremo uno sformatino di ortiche con fonduta di toma di capra e croccante di Miassa.Capretta

Sita nell’anfiteatro morenico di Ivrea, “La Cascinassa”, alleva da anni capre da latte, suini e bovini di razza piemontese. L’azienda nasce dalla passione di due bambini che fin da piccoli hanno imparato ad amare la campagna, seguendo i loro nonni nelle attività di una piccola fattoria. L’azienda conta inoltre coltivazioni da pieno campo reimpiegate per l’alimentazione degli animali.
Da alcuni anni allevano una trentina di capre e dal loro latte producono ottimi formaggi: tomini freschi, ricotta, toma, stracchino, salignun e altre specialità.

Come sempre la partecipazione allo showcooking è gratuita previa prenotazione a conservatoria@cucinemediterranee.net

Locandina-Fattoria_Aglio

 

 

Showcooking con Azienda Agricola Sama Laboratorio del Gusto il 4 aprile alle 18

Logo SAMAForse non lo sapete ma si può fare l’olio anche dalle nocciole. È il sesto appuntamento con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica per venerdì 4 aprile alle 18 in compagnia di Azienda Agricola SAMA.IMG_0974

Grazie alle sue proprietà organolettiche, derivanti dall’alta qualità delle Nocciole, il Noccio Olio, con il suo intenso profumo ed il gusto estremamente particolare e gradevole è un accompagnatore d’eccellenza per ogni portata.
Dall’antica tradizione del Monferrato nasce l’olio di Nocciola, prodotto dalla spremitura meccanica e a freddo dal 100% di Nocciole coltivate nel Monferrato, ricco di preziose qualità nutrizionali, energetiche, vitali, utili al benessere naturale e con alto potere antiossidante.

 Locandina-Fattoria_Aglio

 

Fusilli di Barbarià in Bagna Grisa rivisitata

Venerdì 7 marzo alle 18 scopriremo tutti i segreti del Barbarià®, una farina composta da semi di grano e segale. Si tratta di un metodo che, anticamente, consentiva alle popolazioni montane e pedemontane di ottenere una farina più digeribile di quella che veniva prodotta con la sola segale. Oggi il Barbarià® rappresenta un progetto che prevede l’impiego e la rievocazione di antiche coltivazioni tradizionali.

Venite a trovarci al terzo appuntamento con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica con i produttori di Pastifico Antilia.

Ingredienti per 4 persone

400 g Fusilli al Barbarià®
200 g di formaggio Nostrale stagionato / o toma piemontese
50 g di burro
2 porri medi
2 bicchieri di latte
1 bicchiere di panna liquida da cucina
Sale e pepe q.b.

Preparazione

Soffriggere nel burro i porri finemente tagliati a rondelle, aggiungere il latte e fare evaporare a fuoco vivo per qualche minuto. Unire il formaggio a pezzetti e la panna e cuocere per qualche altro minuto a fiamma molto bassa mescolando con continuità affinché il formaggio si sciolga completamente. Pepare e aggiustare di sale.
Nel frattempo portare a ebollizione una pentola d’acqua salata. Gettare i fusilli e cuocerli per 6 minuti.
Scolare la pasta e condirla immediatamente con la bagna grisa.

Locandina-Fattoria_Aglio

Tagliatelle di Barbarià con olio extravergine e parmigiano

Prepariamoci al terzo appuntamento del 7 marzo alle ore 18 con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica. Stavolta è il turno di Pastificio Antilia che proporrà uno showcooking deve le tagliatelle sono le protagoniste.Logo

Ingredienti per 4 persone

400 g tagliatelle al Barbarià
100 g di parmigiano
Olio extravergine di oliva
Sale q.b.
Pepe (facoltativo)

Preparazione

Portare adebollizione una pentola d’acqua salata. Gettare le tagliatelle e cuocerle per 6 minuti. Scolare la pasta e condirla immediatamente a crudo con olio extravergine di oliva. Spolverare con parmigiano. Buon appetito!

Showcooking con Pastifico Antilia il 7 marzo alle 18

LogoTerzo appuntamento con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica per venerdì 07 marzo alle 18. Questa volta gusteremo i prodotti di Pastificio Antilia di Busca (Cn). La loro pasta da grano biologico è la regina indiscussa di questo showcooking.Immagine05

Una realtà molto giovane, nata nel maggio 2013, da Fausto Pignatta e Marco Risso che hanno deciso di presentare al mercato un prodotto artigianale e biologico. Infatti tutti gli ingredienti utilizzati sono certificati e provengono da agricoltura e allevamenti biologici. Il laboratorio del pastificio è dotato di un impianto fotovoltaico che fornisce l’energia necessaria alla produzione della pasta.
Il Pastificio Antilia ha ottenuto nel dicembre 2013 la certificazione biologica dall’ente CCPB.

Il Pastificio Antilia sceglie con cura le materie prime per la produzione della pasta, il grano duro da mulini italiani che garantiscono la filiera biologica e le uova da allevamenti biologici. Per la linea integrale il Pastificio Antilia utilizza la farina biologica di Barbarià®, coltivato nella zona di Caraglio (Cn). Barbarià®, il cui nome deriva da “imbarbarito,imbastardito” era un’antica tecnica che prevedeva la semina autunnale di una miscela composta da semi di grano e segale. Si trattava di un metodo che consentiva alle popolazioni montane e pedemontane di ottenere una farina più digeribile di quella che veniva prodotta con la sola segale. Oggi il Barbarià® rappresenta un progetto che prevede l’impiego e la rievocazione di antiche coltivazioni tradizionali, un tempo presenti nei nostri territori e ora purtroppo cadute, con i loro sapori, nell’oblio.

Lo staff di Pastificio Antilia, con Marco Risso e Fausto Pignatta, cucina davanti ai vostri occhi un prelibato piatto: tagliatelle di Barbarià® con olio extravergine e parmigiano e fusilli di Barbarià® in bagna grisa rivisitata.

La partecipazione allo show-cooking è gratuita. Vista la capienza limitata occorre obbligatoriamente prenotarsi al seguente indirizzo email: conservatoria@cucinemediterranee.net

FusilliB   Maccheroni TagliatelleB

Locandina-Fattoria_Aglio

 La locandina dell’evento del 07/03

Showcooking con Fattoria dell’Aglio il 28 febbraio alle 18

fattoriadellaglioSecondo appuntamento con Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica per venerdì 28 febbraio alle 18. Questa volta gusteremo i prodotti di Fattoria dell’Aglio di Caraglio. La loro celebre crema all’aglio Aj love you e l’aglio di Caraglio sono i protagonisti della serata.

Lo staff di Fattoria dell’Aglio e il cuoco Michele Chiapale cucina davanti ai vostri occhi un prelibato piatto, la zuppa di lenticchie della Valle Grana con aglio di Caraglio.

La partecipazione allo show-cooking è gratuita. Vista la capienza limitata occorre obbligatoriamente prenotarsi al seguente indirizzo email: conservatoria@cucinemediterranee.net

Aj love you La treccia

La locandina dell’evento del 28/02

Locandina-Fattoria_Aglio

 

 

Showcooking con Argalà il 7 febbraio alle 18

Parte Chiacchiere in Bottega presso Bottega Gastronomica.

Il primo appuntamento è venerdì 7 febbraio alle 18: si parte con Argalà e il suo pastis artigianale molto aromatico, unico in Piemonte presentato da Piero Nuvoloni-Bonnet.

La partecipazione allo show-cooking è gratuita. Vista la capienza limitata occorre obbligatoriamente prenotarsi al seguente indirizzo email: conservatoria@cucinemediterranee.netlocandina argalà

Produttori piemontesi tra show cooking ed ebook

Grandi novità in casa Conservatoria. Il 2014 parte con un nuovo progetto di Conservatoria delle Cucine Mediterranee sostenuto da Fondazione CRT. Un progetto nuovo, che guarda alle produzioni del territorio e a un tipo di comunicazione del food digitale e innovativa.

logo_FCRT_RGB_pos

Fattoria dell'aglioL’idea è semplice: trovare 8 produttori piemontesi, attenti alla tradizione e che lavorano in modo sostenibile, e farli conoscere a un pubblico più ampio. Come? Raccontando le loro storie in modo diverso dal solito: attraverso degli eventi di show-cooking che coniughino dialogo, cucina e spettacolo, e la pubblicazione di un ebook.

Si parte a febbraio con i primi due appuntamenti dello show-cooking Chiacchiere in Bottega che si tiene presso Bottega Gastronomica: il ritrovo che unisce gastronomia e osteria nel cuore di Porta Palazzo, una nuova realtà cittadina attenta a proporre cibi di qualità.

Schermata 2014-01-28 alle 15.52.42Venerdì 7 febbraio alle 18 è il turno di Argalà con il suo pastis artigianale molto aromatico e unico in Piemonte, mentre venerdì 28 febbraio, sempre alle 18, scende in campo La fattoria dell’aglio con la crema di aglio Aj love you e la farina Barbarià, prodotti particolari, antichi e ancora poco noti.
Entrambi i produttori, selezionati da Conservatoria, ci parleranno della loro storia e dei loro prodotti.

La partecipazione agli show-cooking è gratuita. Vista la capienza limitata occorre obbligatoriamente prenotarsi al seguente indirizzo email: conservatoria@cucinemediterranee.net

Questi due incontri sono solo i primi della serie Chiacchiere in Bottega: i prossimi appuntamenti saranno a marzo e aprile in date da definirsi e che vi comunicheremo quanto prima.

Zandegù

A fine aprile uscirà, edito dall’editore indipendente e digitale Zandegù, un ebook dove 4 stelle del food blogging Mariachiara Montera di The chef is on the table, Anna Buganè di Cucina Precaria, Sandra Salerno di Un tocco di zenzero e Sara Tescari&Paolo Arcuno di Fico e Uva incontrano gli 8 produttori selezionati e raccontano in modo fresco e ricco di spunti interessanti cosa si cela dietro la scelta di fare un lavoro così manuale. Per scoprire realtà poco note e l’importanza delle radici e diffondere a un pubblico sempre più ampio e connesso queste storie e questi valori. Un incontro tra artigianalità e anime digitali in un ebook che sarà in vendita sul sito della casa editrice e su tutti i principali store online come Amazon.

Scarica qui il comunicato stampa.

Scarica qui il calendario completo.

Inaugura la Bottega Gastronomica il 16 gennaio

foto_Bottega Gastronomica_1Giovedì 16 gennaio alle ore 19 inaugura la Bottega Gastronomica in Piazza della Repubblica 14/B, gestita dal bolognese Giacomo Tabellini con la proiezione del documentario Senza Trucco, le donne del vino naturale della torinese Giulia Graglia.

La Bottega Gastronomica è realizzata all’interno del programma Housing dalla Compagnia San Paolo, la Bottega Gastronomica si dedica alla sapienza del cibo e alla tradizione dello street food, il “cibo da strada”, che più di altri riesce a riassumere e tradurre culture e tradizioni di popoli diversi. Un luogo dove si può degustare ciò che è stato appena cotto nella cucina con vista sulla piazza, o comprare take away (le pietanze infatti possono essere recapitate a domicilio a portata di click sul sito www.bottegaportapila.it).

LOGO_Bottega.indd

Noi di Conservatoria alle novità che nascono sul territorio di Porta Palazzo e non poteva sfuggirci questa bella realtà che con quale abbiamo progettato unciclo d’incontri, Chiacchiere in Bottega, che porterà giovani produttori piemontesi alla Bottega. Degustazioni guidate, show cooking e aperitivi tematici permetteranno di assaggiare prodotti agroalimentari spesso poco noti. Inoltre, i produttori proposti dalla Conservatoria saranno adottati da alcuni dei più interessanti food blogger piemontesi e i loro racconti, le storie di vita e le buone pratiche confluiranno in un ebook scritto a più mani, edito da Zandegù. Saranno inoltre realizzate di cene tematiche coinvolgendo i residenti storici di Porta Palazzo, dal mercato del pesce a quello delle spezie, e un ciclo di incontri per scoprire le osterie d’Italia, un confronto di usi e costumi con le altre regioni.

foto_Bottega Gastronomica_2 foto_Bottega Gastronomica_3

Maggiori info le trovate qui, scaricando il comunicato stampa dell’evento.

 

Bottega Gastronomica

Piazza della Repubblica 14/B, 10152 Torino
Tel +39 011 5211967
bottegaio@bottegaportapila.it
www.bottegaportapila.it

Martedì – Domenica: 9.00 – 15.00; 17.00 – 21.00 / Chiuso il Lunedì
Segui la Bottega Gastronomica su Facebook > www.facebook.com/Bottegaportapila

 

 

Cinema al mercato: film e golosità a Porta Palazzo

tendine colorateFilm e cibo sono da sempre un’accoppiata vincente. E se unite grandi classici, documentari e ottimo cibo otterrete Cinema al Mercato, la rassegna organizzata da Conservatoria delle Cucine Mediterranee, in qualità di partner del progetto di cooperazione transnazionale Central Markets, insieme alla Città di Torino.
Cinema al mercato si svolge il 10 e 11 ottobre 2013 sotto la Tettoia dei Contadini a Porta Palazzo.

Il programma

>>Giovedì 10 ottobre

Alle ore 21 il film Irma la dolce di Billy Wilder (USA 1963).
Prima e dopo la proiezione potrete passeggiare per le vie del quartiere di Porta Palazzo andando a caccia dei piatti del giorno ispirati alla cucina del mercato proposti da 8 ristoranti della zona. Tra crescentine, arancini, zuppe, panelle e gelati, un’occasione per sperimentare un menù su misura, dall’antipasto al dolce, a prezzi contenuti! Inoltre, come ogni giovedì sera dalle 18 alle 23, potrete passeggiare, prima e dopo il film, tra le vie del Balon godendovi le bancarelle di brocante e antiquariato del Baloné.

balonè-4 luglio balonè-4 luglio

Ingrandisci le immagini per leggere il programma!

Ed ecco il menù del 10 ottobre e gli esercizi aderenti.

Antipasti

  • Crescentina fritta con prosciutto di Modena + Lambrusco Graspa Rossa di Castelvetro 3 euro – Bottega Gastronomica, Piazza della Repubblica 14 b
  • Misto rosticceria (arancino, panella, cipolline e cartocciata) + Nero d’Avola 12 euro – A Picciridda, Piazza della Repubblica 1
  • Acciughe al verde + Dolcetto Monferrato Antiche Cantine Borgo Lame 6 euro – Brocante, Via Borgo Dora 14 d

 

Primi

  • Pasta con le sarde + Anthilia Donna Fugata 10 euro – Pastis, Piazza E. Filiberto 9 b
  • Orecchiette con salsiccia e cacio + Barbera del Piemonte 7 euro – Trattoria Da Dino, Via Borgo Dora 33
  • Zuppa di fagioli della peste + Dolcetto di Dogliani  6 euro – Ristorante San Giors, Via Borgo Dora 3
  • Zuppa di cipolle + Ruchè di Castagnole Monferrato 7 euro – Il Cortiletto, Via Borgo Dora 29

 

Secondi

  • Trippa e fagioli + Barbera Cantina Clavesana 6 euro – Il bar del Balon, Via Borgo Dora 12 f

 

Dessert

 

>>Venerdì 11 ottobre

Alle ore 21 il documentario Food Markets – profumi e sapori a km 0 Porta Palazzo (Stefilm international, Italia 2013).F7+A7
Sotto la Tettoia dei contadini in piazza della Repubblica sarà allestita un’area ricca di cibi da strada e bevande tipiche, come la birra artigianale del Birrificio Grado Plato, il pastis artigianale di Argalà, i gofri dolci e salati di Iomangiogofri e le patate ripiene di Poormanger.

 

 

La ricetta della settimana: dalla Moldavia il Brânzoaice moldovenești poale-n brâu

Brânzoaice moldovenești poale-n brâuIn diverse panetterie all’interno del IV Alimentare, al mercato di Porta Palazzo a Torino, si possono anche trovare dolci tipici della Moldavia, la regione a Nord-Est della Romania, come il Brânzoaice moldovenești poale-n brâu, potete però anche provare a farlo anche voi, acquistando magari sempre all’interno del padiglione, il Brânză dulce, il  formaggio moldavo che viene utilizzato nel ripieno, negli stessi banchi potrete trovare facilmente anche la panna acida.

Ingredienti per la pasta

500 g di farina, 200 g di zucchero, 200 g latte, n 1 uovo intero e 1 tuorlo d’uovo, 100 g di burro fuso, 25 g lievito, 1/2 cucchiaino di sale

Ingredienti per il ripieno

350 g di formaggio dolce di mucca (in alternativa si può utilizzare una miscela di primo sale e ricotta), 150 g di zucchero, scorza di arancio, vaniglia, n 2 uova, 1-2 cucchiai di semolino (opzionale, se il formaggio è troppo morbido), 1 uovo per spennellare.

Preparazione

La farina si setaccia e si aggiunge il sale. Dopodiché si prepara la “maia” cioè un composto di lievito che si mescola con 2-3 cucchiai di acqua, 1 cucchiaio di zucchero e 2 cucchiai di farina. Lasciare riposare per 15 minuti in un luogo caldo, crescerà e farà le bolle. La maia si versa sopra la farina, si aggiungono le uova e il latte tiepido nel quale è stato sciolto lo zucchero. Mescolare bene e impastare per circa 10 minuti. Ora si aggiunge il burro a poco a poco. Impastare ancora per 10-15 minuti. Cospargere la pasta con un po’ di farina, coprire con un asciugamano e lasciare lievitare in un luogo caldo per circa 1 ora.
Nel frattempo si prepara il ripieno: il formaggio si mescola con le uova precedentemente ben sbattute, lo zucchero, la scorza di arancia e la vaniglia. Se il formaggio è troppo liquido si aggiunge un po’ di semola. Dopo che la pasta avrà raddoppiato il suo volume, su un piano di lavoro cospargere della farina e stendere la pasta formando un foglio rettangolare di spessore 0,5 cm circa. Tagliare il foglio in quadrati grossi. In ogni quadrato mettere un cucchiaio di ripieno e unire gli angoli (opposti 2 a 2), da qui deriva il nome dato al dolce “ridicam poalele in brau” – alzare i bordi in vita. Branzoaicele (i panzerotti) vanno spennellati con un uovo e messi a cuocere in forno preriscaldato a 180 ° per 35-40 minuti. Quando sono cotti si tolgono dal forno e si lasciano a raffreddare. Si servono con dello zucchero vanigliato in polvere.

 

Porta Pila: un po’ di storia | parte 1

Il Mercato di Porta Palazzo è stato trasferito in Piazza Emanuele Filiberto (ora Piazza della Repubblica) nel 1835 per disposizione di un “Manifesto Vicariale” che, in seguito a una epidemia di colera, aveva proibito la vendita di alimenti nelle piazze “Palazzo di Città” (allora “delle Erbe”) e “Corpus Domini”. Analogo trasferimento subì il Mercato del burro, prima ospitato nel cortile del Municipio (Cortile del Burro).Porta Palazzo
Vennero costruite prima due tettoie per gli alimentari e fila di baracche per i mercati di stoffe, chincaglierie e terraglie.
Al di sotto della piazza vennero collocati grandi locali per la conservazione del cibo: le “Ghiacciaie”, a cui si accedeva con carretti. Il ghiaccio proveniva dalla raccolta delle nevi a Torino e, in caso di inverni miti, veniva trasportato dal ghiacciaio del Moncenisio.
Nella metà dell’800 le strutture dei mercati all’ingrosso erano disposte per merceologie: in Piazza Emanuele Filiberto: a Nord Ovest “frutta, castagne, funghi e meloni”; a Nord Est “pollami, volatili e uova”, “caccio nostrano e dell’estero, sia fresco che vecchio”; a Sud Est, “pesci d’acqua dolce”; a Sud Ovest, “chiodi”;  sul piazzale del Borgo Dora “erbaggi, patate e asparagi”. Inoltre nella Piazza Emanuele Filiberto, nell’area Sud Ovest – Nord Est, si trovava la vendita di generi commestibili al minuto. I clienti, soprattutto le massaie, venivano al mercato alla mattina, i meno abbienti alla chiusura in quanto i prezzi venivano ridotti.

L’assetto attuale della piazza è dovuto alle modificazioni intercorse fra il 1836, con l’edificazione del mercato ittico e del mercato alimentare nella parte Sud, e il 1916, anno in cui viene costruito nella parte Nord Est il “Padiglione dell’Orologio”.
Iniziato nel 1915 e inaugurato nel 1916, il Padiglione dell’Orologio (che oggi ospita il mercato del IV alimentare) rappresenta un notevole esempio di architettura ottocentesca del ferro applicata alla realizzazione di edifici mercatali, tipica dei grandi mercati coperti, fra i quali Les Halles di Parigi.
La superficie utile è di 3.300 m². Venne progettato dal Servizio Tecnico dei Lavori Pubblici del Comune di Torino e costruito dalla ditta Faletti e dalle Officine Savigliano. Un padiglione gemello era stato progettato per la parte restante della piazza ma non venne realizzato per l’aumento dei costi del materiale verificatosi durante la prima guerra mondiale.
Nel 1963 di fianco al Padiglione dell’Orologio è stato costruito un padiglione per l’abbigliamento in seguito demolito e sostituito dall’attuale “Mercato dell’abbigliamento”, firmato dall’architetto Massimiliano Fuksas. Nell’atrio di questa grande costruzione si possono ancora ammirare due antiche ghiacciaie ipogee, originali della piazza.

 Federico Boario

Continua alla prossima puntata…