Attività

La Conservatoria delle Cucine Mediterranee concentra le sue attività su tre filoni principali:

  1. Tutela e valorizzazione dei mercati cittadini;
  2. Promozione dei prodotti alimentari tipici, con particolare attenzione ai territori di montagna;
  3. Percorsi di educazione alimentare.

Per realizzare queste attività la Conservatoria ha utilizzato opportunità diverse, scrivendo e realizzando progetti locali ed europei, che hanno permesso all’associazione di crescere e radicarsi sia a Torino e in Piemonte sia all’interno di importanti network internazionali.

1. Tutela e valorizzazione dei mercati cittadini

La Conservatoria vuole contribuire a salvaguardare e valorizzare la specificità dei mercati, realtà vitali, che caratterizzano il tessuto urbano e garantiscono il collegamento con la produzione locale dei territori circostanti. Al centro dei nostri progetti e iniziative ci sono i mercati alimentari intesi come luoghi di commercio alternativi alla grande distribuzione e di smercio della produzione agricola del territorio e delle sue eccellenze.IV alimentare

La realtà di Torino, che ospita oltre 40 mercati, tra cui quello di “Porta Palazzo” uno dei più grandi di tutta Europa, ha dato lo slancio necessario ad approfondimenti e indagini sulle specifiche tematiche legate ai mercati, tematiche successivamente estese al territorio Regionale ed Europeo. Sono state realizzate due importanti ricerche relative allo studio sui meccanismi di funzionamento dei mercati cittadini: “Tenere banco in Piemonte” una ricerca su 29 mercati piemontesi e “Luce su Porta Palazzo: il mercato che non si spegne mai”, realizzata in due edizioni, un’analisi approfondita proprio su Porta Palazzo, il mercato all’aperto più grande d’Europa.

Una delle attività di promozione dei mercati è il Food Market Festival, di cui sono state realizzate 6 edizioni. La manifestazione punta alla valorizzazione dei mercati alimentari e alla creazione di momenti di analisi e discussione sui modelli distributivi del cibo. Nato con l’intento di supportare lo sforzo dell’Amministrazione comunale torinese, teso a qualificare il sistema dei mercati cittadini, il Festival è stato esportato dalla Conservatoria nel più ampio contesto Europeo attraverso le attività previste dai progetti comunitari ai quali ha aderito. Replicato con successo in Spagna e Francia, il Food Market Festival è diventato ormai un format condiviso a livello internazionale, di cui la Conservatoria ha il merito di averne messo a punto la metodologia annoverandola a pieno titolo tra quelle che sono definite “buone pratiche”.

I principali progetti europei di valorizzazione dei mercati a cui abbiamo partecipato sono:

  • Med Emporion
  • Central Markets
  • Urbact Markets

Per saperne di più sui nostri progetti, clicca qui.

2. Promozione dei prodotti alimentari tipici, con particolare attenzione ai territori di montagna

La filiera alimentare (produzione, trasformazione e distribuzione) e le tradizioni socio-culturali a essa legate, rappresentano un’importante risorsa per l’economia dei territori interessati, ad esempio prevenendo l’esodo e l’abbandono del territorio montano, e in particolare ai fini di un turismo sempre più attento alla qualità dei servizi e delle offerte che gravitano attorno all’universo del cibo e dei prodotti del territorio.contadino

È all’interno di un nuovo rapporto tra cibo e territorio, tra agricoltura di qualità e sviluppo locale che vuole inserirsi l’azione della Conservatoria. Non si tratta cioè di difendere solamente le tradizioni e le eredità positive del passato, quanto piuttosto di aprire un dialogo e costruire un nuovo approccio alla gestione del suolo, ridefinendo il ruolo dell’uomo e delle attività antropiche sul territorio, immaginando l’agricoltura e le produzioni locali e tipiche come un elemento chiave per rivitalizzare e dare un nuovo dinamismo ad aree che troppo spesso sono state considerate marginali. Rafforzare dunque la presenza di servizi per gli abitanti e i turisti, per puntare su forme di turismo sostenibile e di fruizione del territorio che ne preservino l’autenticità. Si tratta cioè di immaginare un nuovo rapporto tra uomo e natura, che abbia il suo fondamento nella difesa dell’ambiente e in modelli d’interazione tra gli attori locali e il territorio che puntino su un miglioramento complessivo della qualità della vita e su forme di sviluppo che preservino e rigenerino le risorse naturali presenti.

I nostri principali progetti europei sulla valorizzazione dei prodotti sono:

  • Tour dei Saperi e Sapori della Montagna
  • Promo Terroir

Per saperne di più sui nostri progetti, clicca qui.

3.     Percorsi di educazione alimentare

La Conservatoria, sia in momenti ad hoc che in occasione dei Food Market Festival e di altri eventi, ha organizzato percorsi di sensibilizzazione ed educazione alimentare rivolti a diversi target, dal grande pubblico dei festival ai cuochi di scuole alberghiere. gioco_oca
Cene con racconto, laboratori di cucina con degustazione sono solo alcune delle attività che hanno visto come protagonisti i prodotti di montagna, le specialità mediterranee, la cucina dei mercati, ecc. Sono attualmente in fase di elaborazione dei veri e propri corsi di cucina povera e di recupero per adulti.
corsoPercorsi di animazione ed educazione alimentare rivolti ai bambini, hanno visto i più piccoli cimentarsi con laboratori pratici di conoscenza dei prodotti presenti al mercato attraverso i 5 sensi. Grande successo anche con il Gioco di Porta Pila, una nostra rivisitazione del gioco dell’oca dove però troviamo domande e tranelli riguardo ai temi del consumo responsabile e la promozione dei mercati. Anziché essere un gioco da tavola, le misure di tutti gli oggetti (tavola da gioco, pedine e dado) sono ingigantite a grandezza bambino!