Torta Frangipane

Torta frangipane alle nocciole con cremino

Il merito di aver sperimentato e poi propagandato l’impianto dei noccioleti in tutto il comprensorio dell’Alta Langa va al professor Emanuele Férraris che, nella campagna di Feisoglio, creò quelle che furono le colture-pilota del prezioso nocciolo, dimostrando la maggior produttività e la miglior resistenza della pianta alle affezioni organiche e parassitarie rispetto alla vite

Prima d’allora, infatti, quasi tutti i contadini puntavano sul vigneto, in coltura specializzata o mista. Oggi la vite, poco adatta a questa zona, è praticamente abbandonata.
La varietà di nocciolo diffusa in tutto il territorio circostante è chiamata “gentile del Piemonte”, caratterizzata da un guscio molto, duro e completamente pieno che consente buone rese ai coltivatori.
È ritenuta la miglior nocciola per uso industriale, preferita a quella romana, napoletana e siciliana, come alle avellane importate dalla Spagna e dalla Turchia.
Viene impiegata nell’industria del cioccolato che ha ad Alba un noto e vasto complesso aziendale e nella fabbricazione del torrone, attività antichissima 

 

Composto frangipane

Farina di mandorle g. 125
Farina nocciole g. 125
Burro g. 250
Zucchero a velo gr. 250
Farina frolla g. 100
Uova intere g. 250

Montare burro, zucchero a velo, farina di mandorle e nocciole, unire le uova poco alla volta, incorporare la farina senza impastare troppo.
Disporre il composto in teglie foderate con pasta frolla e leggero strato di confettura di albicocche. Cuocere in forno a 160°C fino a cottura.

Cremino alla nocciola

Cioccolato bianco g. 500
Pasta nocciola g. 500
Mescolare i vari ingredienti temperati insieme.

Assemblaggio

Quando la torta sarà cotta e raffreddata tagliare la parte superiore rigonfiata del frangipane, fare un giro di nocciole sul bordo e colare il cremino al centro. Se la torta viene realizzata nei cerchi di acciaio, ruotare completamente e glassare la parte inferiore con il cremino lasciando il frangipane sotto.

Tag:, , , ,

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *